ominoCos’è?
Il Nordic Walking è una forma di attività fisica svolta semplicemente camminando. Consiste in una camminata naturale in cui viene inserito l’ausilio di bastoncini, non come semplice appoggio ma, attraverso l’azione di spinta svolta dalle braccia, come strumenti funzionali alla progressione. L’utilizzo dei bastoncini nel Nordic Walking non è finalizzato ad andare più veloci o a fare meno fatica ma è stato studiato per permettere di coinvolgere la maggior parte della muscolatura del nostro corpo, sia degli arti superiori e del tronco che di quelli inferiori, ottenendo così una grande serie di benefici.

Specificità
Non è “una semplice camminata”. Nel Nordic Walking il parametro fondamentale per il benessere e la sua efficacia è la tecnica senza la quale l’attività rimarrebbe semplicemente una camminata. Per ottenere il massimo dei benefici ed avere la massima efficienza dai movimenti, la tecnica diventa determinante.

La tecnica
Nella tecnica del Nordic è fondamentale una esatta coordinazione alternata braccia- gambe, una corretta ampiezza di movimento delle gambe e delle braccia, un buon rilassamento delle spalle e decontrazione muscolare nel movimento delle braccia, una respirazione corretta ed una giusta rullata del piede. La parte fondamentale è la postura: una corretta posizione del capo e dello sguardo seguito da un auto allungamento e un posizionamento preciso del bacino ci permettono di progredire efficacemente!

I bastoncini
Al fine di una corretta tecnica l’utilizzo dei bastoncini aiuta a mantenere la giusta coordinazione. Questo avviene se la scelta e l’utilizzo sono corretti: scelti della lunghezza giusta, con una impugnatura ergonomica e non tubolare, con la presenza del lacciolo (fascia che aiuta nel movimento di recupero del bastoncino), non di materiale rigido e pesante e con un puntale che aderisca bene al terreno.

Benefici

Il Nordic è un’attività che comporta notevoli benefici legati al movimento stesso:

  • Miglioramento delle capacità cardiovascolari (anche in soggetti con problematiche cardiache)
  • Miglioramento del rapporto massa magra/massa grassa (aiuta ad aumentare il consumo energetico)
  • Miglioramento qualitativo della massa muscolare (tonifica)
  • Prevenzione dell’osteoporsi

Nello specifico della sua attività rispetto ad una camminata classica comporta:

  • Maggior consumo energetico
  • Maggior coinvolgimento muscolare
  • Mantiene in esercizio quattro delle cinque forme principali di sollecitazione motoria: resistenza, forza, mobilità, coordinazione
  • Riduce le tensione a carico della muscolatura degli arti superiori
  • Permette di mantenere una frequenza cardiaca più alta
  • Tonificazione arti superiori (tricipite..)
  • Migliora l’atteggiamento posturale
  • Scarica le articolazioni maggiormente

A chi è consigliata?

A tutti. A coloro che vogliono migliorare la propria forma fisica e a qualsiasi età sia come prevenzione primaria che secondaria a problematiche. E’ consigliata a chi soffre di disturbi cardiovascolari (ischemie, infarti, scompensi), malattie neurologiche (esistono molti studi sul nordic e Parkinson che confermano la sua validità), trekker (anche chi cammina in montagna ne fa utilizzo e spesso in modo scorretto), ai sedentari (per combattere la pigrizia motoria), chi ha problemi osteo-articolari (a carico delle articolazioni degli arti inferiori) e chi ha problemi di “mal di schiena”.